life and how to live it

Una serie di consigli per vivere troppo meglissimo dettati dalla mia lunga esperienza di uomo umano.

1. Forse non lo sapete, ma secondo l'antica tradizione cinese ogni mattina è una sana abitudine mettersi in silenzio e in penombra in un angolo esposto a est della casa e mormorare una salmodia di delicati e soavi vaffanculo rivolti ai vostri conoscenti colleghi vicini e parenti più antipatici. È un ottimo modo per raccogliere le energie positive per la giornata.

2. Un modo per scaricare tensioni energetiche e impurità accumulate negli organi interni è quello di miscelare un quarto di olio di germe di riso con un ottavo di latte di soia, versarlo a filo su un bicchiere di bambù contenente una mistura di litchi e bacche di goji, mescolare in penombra in senso rigorosamente antiorario; versare il composto in una coppetta di legno e lasciar riposare per due ore durante le quali vi strafogate di hot dog con maionese e senape birra bionda patatine strafritte rutto libero guardando un bel film horror ammerigano.

3.  Il mio segreto di bellezza? Picchiare le nocche. Picchiare le nocche sul muro. Picchiare le nocche sul muro ritmicamente. Picchiare le nocche sul muro ritmicamente cantando "Ritmo, ritmo de la nocche". 

4. Smettiamola di odiare. Evitare i conflitti con il prossimo è semplice, basta chiudersi in casa e non incontrarlo.

5. Anche se non sempre ce ne rendiamo conto, la via verso l'illuminazione è spesso a portata di mano.
Allungate la mano, un po' più a sinistra, un po' più a sinistra, ora poco più in basso, ecco, premete.

6. Imparate a capire la natura.
La natura ci ha dato tutto, la cioccolata e le zanzare, sta semplicemente a noi scegliere.
Mangiate la cazzo di cioccolata e ammazzate le cazzo di zanzare.
Non viceversa.
Oh, minchia, dai, è facile.

7. Andate in erboristeria e chiedete dell'Arnica.
Non so quali benefici apporti, ma è bello dire "Àrnica". Credo che acquistare dell'arnica ogni tanto faccia bene. Uscendo dall'erboristeria starete già meglio. Àrnica. Lo sentite come suona bene? Queste sono parole positive per il mondo di oggi.

8. Lo shopping fa bene, si sa. Spendete. Siate keynesiani. Spendete tutto quel che avete. E quando i soldi finiscono, stampate cartamoneta. Non abbiate timore dell'inflazione. Movimentate l'economia, danzate con l'economia. Largheggiate, indebitatevi con l'estero. Date la colpa all'Europa. Investite. Compratevi uno yacht col quinto dello stipendio, e coi quattro quinti che vi avanzano andate a vivere sotto a un ponte. La vita è bella.

9. Va bene vendere l'anima al diavolo, ma siate furbi, fatelo a caro prezzo. Siate casti puri e pii per una buona parte della vostra vita, siate poveri e francescani, indossate un saio, fondate una indie band rumorosa, scrivete poesie, sondate modi per incappare quotidianamente nell'incomprensione e nella superficialità umana insomma. Rifiutate i compromessi, dite "rifiuto la proposta e vado avanti". Restate vergini.
A quel punto il diavolo penserà davvero che siate incorruttibili e vi vorrà tantissimo e alzerà la posta fino a farvi una proposta che non potrete rifiutare, e il jackpot sarà vostro.
L'anima segue le leggi del mercato, vendetela ma a caro prezzo.

10. Che il vostro modello di vita sia Peter Gabriel.
Un album ogni decennio, oppure, quando non vuole cedere ai ritmi frenetici della discografia, ogni due decenni. Per non sbagliare mai nulla in realtà l'ideale sarebbe proprio non fare assolutamente un cazzo, ma è una scelta impegnativa e impegnarsi è troppo impegnativo. Fare una cosa ogni decennio circa è un buon compromesso. Cominciate da subito a fare la vostra cosa di questo decennio, ne sarete ampiamente ripagati* già nel prossimo decennio! Ma con calma.
.

.

.

*oppure no

11. Guidate. Guidate di più. Emettete gas serra. È l'unico modo che abbiamo qui da terra per controbattere le scie chimiche. Non possono vincere loro. Se ci impegnamo con gli acceleratori a tavoletta possiamo fargli il culo così. È una questione di orgoglio terrestre.

12. Per stare bene basta volerlo con grande intensità. C'è un grande senso di colpa e di inadeguatezza dietro alle malattie. Se avete un unghio incarnito è solo perché non avete amato a sufficienza il piede. Se vi viene la forfora è perché siete infelici di voi stessi. Se vi fratturate un polso è solo perché non avete ancora saputo perdonare. Se vi viene la congiuntivite è perché non credete a sufficienza nei vostri occhi, se siete impotenti è perché non avete fiducia nel cazzo. Gettate via gli occhiali, abbandonate i vaccini e gli antibiotici, il vero segreto che le industrie farmaceutiche non vi vogliono rivelare è che basta credere in noi stessi.
(Diffondete questo post prima che venga censurato!!!1!!)

13. Lo sport fa sudare. Smettete subito.

14. Il segreto della felicità non è l'iphone 7, ma la fila per l'iphone 7. L'attesa dell'iphone, non è essa stessa iphone?
Finita la fila, comprato l'iphone, è tutto finito e il piacere cede il posto alle rate. Bisogna fare la fila per l'iphone 7 senza comprarlo.

15. Non bisogna avere segreti.
Non bisogna covare alcun tipo di mistero o di non detto dentro di sé. Non nascondete nulla. Siate aperti e sputtanati come la pizza. Un uomo calzone è un uomo infelice.
È questo il segreto.
Ma siccome non posso avere segreti, questo post si autodistruggerà fra cinque secondi. Quattro. Tre. Due. U.

la musica che gira intorno

Quel che è successo alla musica è indicativo dell'epoca e della cultura in cui viviamo.
Siamo un mondo che ha tutto e non sa un cazzo.
Tutto possono scrivere brani e pubblicarne, il web è stracolmo di capolavori noti e ignoti, con un click puoi avere a disposizione la discografia di ogni artista al mondo, ma alla fine ci si ritrova a parlare dei fottutissimi Cold**ay.

il gatto e la volpe

Nel nome della trasparenza che la contraddistingue, Sky ha finalmente chiarito il contenuto dei contratti per partecipare a X-Factor.
Si tratta di una semplice scrittura privata in sei volumi indispensabile per garantire senza incidenti la messa in onda del noto talents showss.
Per partecipare alla trasmissione televisiva bisogna garantire a Sky alla Sony:
- L'esclusiva dei live e delle incisioni per i prossimi quindici anni. Se perdi e vorresti fare live o incidere un disco ma loro non hanno voglia di fartelo fare, la regola del tipregotipregotipregopapà non è valida.
- Scelta fra tre avvocati di proprietà di Sky da cui farti rappresentare in caso di controversie con sky.
- Scelta della moglie fra tre mogli scelte da Sky: una bionda, una mora e una rossa. La prima notte di nozze va trascorsa con l'avvocato di Sky.
- Cessione di tutte le tue canzoni presenti passate e future a Sky, che sarà libera di farle remixare da Fargetta e cantare a Terital Del Rey (cugina sintetica della più famosa Lana).
- Mai parlare a nessuno della partecipazione. Mai raccontare a nessuno del regolamento. Mai parlare a nessuno del contratto. Mai parlare a nessuno di ma che bella giornata oggi. Mai parlare a nessuno.
- Cessione del quinto dello stipendio.
- Cessione del primogenito.
- Messa satanica ogni sabato sera con ballo del sabba schiena contro schiena, documentato da Dagospia.
- Contratto capestro con sky cinema e sport e fastweb per guardare tutte le tue serie preferite, e se ti perdi un episodio puoi sempre salvarlo o pagare la penale.
- Ospitata obbligatoria a Masterchef Junior cantando ai bambini quella canzone commovente che hai scritto per tuo padre quando scappò con la bielorussa bionda.
- Tatuaggio obbligatorio con la faccia di Alvaro Soler sul braccio.
- Obbligo di opinione positiva su X-Factor in tutte le interviste.
- Nel probabile caso di insuccesso a X-Factor, obbligo di ripagare tutto l'investimento pulendo per tutta la vita i cessi della redazione SkySport.
- in caso di vittoria, mengonizzazione istantanea con riprogrammazione della centralina del talento.
- Videoclip obbligatorio originale con fimmine.
- Videoclip obbligatorio originalissimo con teste di animali.
- Videoclip obbligatorio originalissimissimo con divise da ussari.
- Videoclip obbligatorio superultraoriginale con fimmine teste di animali e divise da ussari.
- Cessione del sangue.
- Cessione degli organi vitali.
- Cessione di unghie e denti.
- Cessione dell'anima.


u secunnu

Una disciplina fondamentale che nessuno insegna, e che nessuno mi ha mai insegnato e avrei tanto avuto bisogno di imparare, è l'utilizzo del tempo.
Avrei voluto un maestro severissimo che mi insegnasse che cos'è un minuto, e quanto è importante adoperarlo con cura perché componga un'ora di cui essere contento, un'ora che senza incertezze sia bella o utile. Avrei voluto mi spiegassero che le ore, perse o sensate, si assommano a formare giorni a loro immagine e somiglianza, e che i giorni diventano settimane in un baleno, e che di settimane ne bastano appena quattro per fare un mese, e che i mesi alla fine sono fatti di ore e quindi di minuti, e che quindi è inutile stare tanto a pensare all'enormità dell'anno che ti attende o rimpiangere l'anno passato, perché l'uso corretto del tempo consiste nel far valere questo preciso minuto qui, e poi il successivo, un minuto dietro l'altro. Avrebbero dovuto dirmelo che è inutile pensare alla somma del tempo perché è solo su questo minuto che hai davanti, questo minuto che hai per le mani e che ti guarda, presente impaziente volenteroso e prezioso, è su di lui che puoi intervenire, su questo minuto qui.
Nessuno me l'ha mai spiegato, e avrebbero proprio dovuto farlo: che quello che hai da fare per aggiustare l'anno è azionare le mani e i piedi adesso e metterti a fare ciò che desideri e che devi in questo esatto secondo.
U secunnu, u secunnu, è u secunnu ca cunta u tempu.

Don't think twice, it's all right

Io non credo che il comitato del Nobel sia infallibile o che le sue sentenze vadano prese per oro colato. Tutt'altro. Certi Nobel per la pace, per esempio, li trovo quantomeno discutibili.
Su "Meglio X che Dylan" o "Lo meritava Y, non Bob" possiamo chiacchierare quanto volete e molto volentieri. E anzi se mi elencherete i vostri personali Nobel per la Letteratura 2016 alternativi ve ne sarò molto grato.
Ma sul fatto che, come sostengono alcuni, la canzone non sia letteratura, e che Bob Dylan non sia un grandissimo poeta, mi spiace, dissento, totalmente.

sweet dreams

Desideri inconfessabili, S1E01

Guardare la serie "Catturandi" sul divano di casa mia con accanto a me regista e sceneggiatori, e a ogni scena cazziarili e buffuniarili:

- ma che cazzo fate, la moglie fintaincinta (tirata di orecchi)
- ma minchia avete a leo gullotta e gli fate fare il pupazzetto a molla con le faccine? (pammiata)
- ma che spacchio la sorella hacker con le treccine che sta sempre in casa assuntumata sul divano (spacciddata)
- ma che cazzo fate i microfoni ambientali montati mentre quello prepara la pasta (gomitata)
- dai minchia ma sta polizia è tipo scemo e più scemo come spacchio li fanno gli inseguimenti (sbemm, suttamussu)
- ma il personaggio di lei che fa le faccine da jattamorta e ogni tanto ci pigghia nsantomu e va contro le regole ma soprattutto contro ogni razionale comportamento investigativo da dove ve la siete uscita (sbamm cuzzata)
- nooo ma lei che si spoglia mostra le mminne per fare vedere che non ha microfoni nooooo (coglionazzo, potrebbe averne otto nella borsetta! cazzotto nella guancia)
- ma nooo lei che fa il doppio gioco e lei che fa il triplo gioco e lei che va all'incontro col mafioso comunicando col capo col cellulare e quando le dicono di mollare il cellulare e la pistola lei resta disarmata e scollegata (sciaff, suttamussu a travissina)

Desideri inconfessabili, S1E02

Legare Carlo Cracco a una seggiola di cucina e ingozzarlo di marshmallow con l'imbuto.

Desideri inconfessabili, S1E03

Mandare Lapo Elkann a lavorare ai magazzini delle arance di Adrano, alla stessa paga, e testarlo periodicamente per vedere se ha imparato le risposte corrette alle giaculatorie lavorative, tipo:

"Su ti diciu pegghila pegghila, to comu a pegghi?"
"Una lametta Johnson è un euro, e sette lamette Johnson?"
"Ci su chiavi ddocu?"
"'A sai chedda di Tichircu e Ticarcu?"

eccetera, e a ogni sbaglio una presa di sale nelle mutande.

Desideri inconfessabili, S1E04

Rapire separatamente entrambi i fratelli Muccino, infilarli in una grossa vasca piena di fango e raccogliere le scommesse mentre si picchiano.

Desideri inconfessabili, S1E05

Rapire Coso Là Martin e gli sceneggiatori del Game Of Thrones televisivo e costringerli a scrivere un finale in cui tutti i protagonisti erano in realtà vittime di un incidente su un drago volante ed erano tutti morti e s'erano sognati tutto quanto.

Desideri inconfessabili, S1E06

Invitare Antonacci a cantare a casa mia e mentre è lì che canta stare tutti quanti a chattare col telefonino senza cacarlo di striscio.

Desideri inconfessabili, S1E07

Farmi assegnare da tradurre un libro Harmony e a metà iniziare a stravolgere la storia trasformandola in un tripudio di sesso incontrollato sadomaso fetish bondage bukkake con orgia assassina finale boccaccescasadicapantagruelicagranguignolesca.

Desideri inconfessabili, S1E08

Comprarmi lo Stadio San Siro e piantarci un baobab a centrocampo.

Desideri inconfessabili, S1E09

Organizzare un concerto di una tribute band dei Modà promettendo un lautissimerrimo cachet ma solo se suonano per sei ore senza interruzioni, pubblicizzare l'evento in giro come data gratuita dei Megadeth, e quando il luogo è tutto stracolmo di metallari di quelli che non si lavano distribuire chiavi inglesi e ferramenta varia, dare il via alla band e andarmene chiudendo tutte le uscite, e tornare solo all'alba per vedere com'è finita.

Desideri inconfessabili, S1E10

Comprarmi tutti i giornali le TV e le radio nazionali solo per costringerli a trasmettere incessantemente e incensare all'unisono "The Litanies of Satan" di Diamanda Galás.

Desideri inconfessabili, S1E11

Organizzare un grande evento "Il Pulcino Pio per Padre Pio" a Montepulciano e farlo condurre a Carlo Conti e Massimo Giletti, con Albano e Romina, Alvaro Soler, Timoria con Renga e senza Renga, Tiromancino, Ricchi e Poveri, Subsonica, Colapesce, Marina Occhiena, Alvaro Vitali e gli Impaled Nazarene, dicendo che sarà un evento di beneficenza, e chiedendo a tutti loro di eseguire delle cover del Pulcino Pio per Padre Pio promettendo una pioggia di indulgenze plenarie gettoni d'oro e cotillons, e poi nel pieno della serata  far discendere Viola Valentino vestita da Padre Pio con stimmate e boa di struzzo che esclama "Oui, c'est moi" davanti a un pubblico in ludibrio, e mandare tutto al papa e farli scomunicare tutti.

Desideri inconfessabili, S1E12

Comprarmi Facebook e poi divertirmi a far mettere degli algoritmi che modifichino a caso alcuni commenti alle foto dei pargoli e dei gattini con frasi nonsense e risposte offensive per farvi litigare con gli amici più cari.

Desideri inconfessabili, S1E13, season finale

Ordire una terrificante Congiura delle Scoregge contro Renzi, assoldando diversi petomani professionisti, appositamente nutriti a fagioli per giorni e giorni, che dalla mattina alla sera si affianchino al Presidente del Consiglio con scuse varie ammorbandogli l'aria, ripetutamente, colpendo e scomparendo, per giorni e giorni e giorni, senza tregua, senza tregua, senza tregua.



room with a view

Il problema non è la composizione delle camere, ma la qualità dell'elettorato.
Fanculo il referendum. Rialfabetizzazione di massa subito.

Cohesion

Uno stralcio dall'omaggio che io e Sergio Varbella abbiamo tributato ai Minutemen e a "Double Nickels on the Dime", che compie trent'anni in questi giorni. La raccolta a fumetti -quaranta storie per altrettanti autori, una per ciascun brano dell'album- verrà pubblicata in autunno negli Stati Uniti.